giovedì 26 febbraio 2009

Canederli allo speck in brodo


Questi sono una mia fissa da un po' di tempo, precisamente da quando li ho mangiati per la prima e unica volta a Bolzano, nel dicembre del 2007, ed è stato amore alla prima forchettata. Ho adorato il loro sapore delicato e sapido al tempo stesso, la loro consistenza corposa e compatta, incredibilmente avvolgente. Un vero comfort food. Di quelli pesi però, dato che erano abbondantemente irrorati di burro fuso e formaggio grattugiato!


Per il compleanno dei miei genitori, festeggiato sabato, ho deciso di proporli come piatto unico, unitamente a due antipastini (di cui uno, le polpette di polenta e taleggio, ve l'ho mostrato la volta scorsa; il prossimo a venire) e al dolce. Per non esagerare e conoscendo l'estrema passione dei miei familiari per il brodo di carne, ho optato per la versione in brodo, anche se per mio gusto personale (eh si, ci vado giù pesa quando occorre) li avrei preferiti nella variante asciutta-ma-irrorata-di-insanissimo-burro. La prossima volta non posso assolutamente tirarmi indietro, al massimo pasteggerò ad insalatina per le due settimane a venire (ma chi ci crede, poi?!)


I canederli sono un piatto tipico della cultura gastronomica tedesca e del Trentino, in particolare dell'Altoadige e del Sud Tirolo. Il termine ladino Knödel, ovvero canederli, deriva dalla parola tedesca Knot, che vuol dire "nodo", "grumo": essi non sono altro che palle di pane raffermo che viene mischiato ad altri ingredienti ed insaporito dando vita a molteplici varianti, di cui le più famose sono probabilmente quella allo speck (Speckknödel) e quella al formaggio (Käseknödel).
Come primo si gustano in un buon brodo di carne o asciutti, conditi con burro fuso e formaggio grattugiato; come piatto unico, vengono accompagnati a gulash, verza, crauti etc.

Sono quindi un piatto molto sostanzioso, particolarmente adatto alla stagione fredda.


Questa ricetta è tratta dal libro "Cucina nelle Dolomiti" di Anneliese Kompatscher e l'ho scovata da lei; io l'ho trascritta specificando al massimo il procedimento per aiutare chi, come me, è la prima volta che li fa.


CANEDERLI ALLO SPECK IN BRODO


Ingredienti x 8-10 canederli:

300 gr di pane bianco raffermo, privato della crosta (scegliere un pane con molta mollica bella compatta)
100 gr di speck in un'unica fetta
mezza cipolla bionda tritata finemente
una noce di burro
due uova
1-2 bicchieri di latte,da usare q.b.
2 cucchiai di farina (+ q.b. per rotolarvi i canederli)
2 cucchiai di prezzemolo tritato
sale

Inoltre:1 litro e 1/4 di buon brodo di carne
erba cipollina

Tagliare la mollica del pane raffermo a dadini e metterlo in una terrina. Tagliare lo speck a dadini piccolissimi (se non avete dei coltelli ben affilati vi consiglio di usare un paio di forbici) ed aggiungerlo al pane. Rosolare la cipolla nel burro, facendola sbianchire. Sbattere con una frusta le uova con parte del latte (circa 1 bicchiere), aggiungere il prezzemolo tritato e versare il composto sul pane, amalgamandolo con un cucchiaio. Mescolare brevemente il composto con una mano, impastandolo quel tanto che basta per testarne la consistenza: il pane deve essere umido e morbido ma non impregnato di latte, non deve spappolarsi. Se lo sentite troppo asciutto, aggiungete un altro po' di latte, a occhio: ovviamente la quantità necessaria di latte dipende dal tipo di pane e da quanto è raffermo.
Far riposare per mezz’ora, coperto da un canovaccio pulito, mescolando e schiacciando ogni tanto con un cucchiaio per consentire al latte di essere assorbito uniformemente dal pane.
Aggiungere quindi la farina, il sale e la cipolla e se occorre anche un altro po' di latte ed impastate grossolanamente a mano, strizzando bene il composto per amalgamarlo.

Con le mani bagnate di acqua fredda (questo perchè non si attacchino) formare dei canederli di 6-8 cm di diametro, circa la dimensione di un mandarancio, rotolarli nella farina (così non perdono la forma in cottura) e tenerli da parte. Se li preparate in anticipo di qualche ora, copriteli con pellicola alimentare e conservateli in frigorifero.

Al momento di cuocerli, metterli nell’acqua bollente precedentemente salata e fateli sobbollire a fuoco molto moderato per 10-15 minuti circa, a seconda della dimensione del canederlo. Indicativamente sono pronti qualche minuto dopo essere venuti a galla. Scolarli con l'ausilio di una schiumarola e servire in un buon brodo di carne cosparso di erba cipollina.

Suggerimenti:- Curatevi che quando formate i canederli la loro superficie sia bella liscia e senza crepe che, in cottura, potrebbero far entrare l'acqua e spaccarli.
- Per evitare che i canederli non tengano la cottura, si può cuocerne uno per prova: se dovesse disfarsi, sarà utile aggiungere ancora un po' di farina alla pasta.
- Molti cuociono i canederli direttamente nel brodo. Io preferisco seguire questa ricetta in cui i canederli vengono cotti in acqua e poi trasferiti in brodo perchè cuocendo direttamente nel brodo lo rendono torbido. Così facendo, invece, avremo un brodo ancora limpido.
- Secondo tradizione i canederli se mangiati in brodo vanno tagliati con il cucchiaio, se mangiati asciutti con la forchetta. Non si usa mai il coltello.
- Potete preparare più canederli e surgelarli su dei vassoi, per poi trasferirli in un sacchetto per alimenti quando sono congelati. Al momento di cuocerli, van tuffati ancora surgelati nell'acqua bollente; in questo caso il tempo di cottura si allungherà di una decina di minuti (20-25 minuti).


Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Gnocchi e quenelle" di Tatiana e Claudia. Affrettatevi, siete in tempo fino al 28/02!

50 commenti:

Pamy ha detto...

ma sai che io ho sempre avuto la curiosità di provarli....ma non li ho mai fatti;))prima o poi li farò!!

manu e silvia ha detto...

Buonissimi! noi abbiamo smepre voluto assaggiarli...ma non crediamo sia poi così male l aversione in brodo...ne esalta emglio il sapore..no??!
un bacione

Laura ha detto...

Buonissimi...e poi io li adoro perchè mi ricordano le vacanze dell'infanzia in Alto Adige...che belli questi che hai fatto tu! Che brava! Baci

Juls ha detto...

HO FAMISSIMAAAAAA!
me ne mandi un piatto colmo qui in ufficio???
mamma buoni!

ღ Sara ღ ha detto...

che meraviglia!! sono bellissimi Arietta!!

Sara ha detto...

Buoni i canederli mi piacciono io li ho provati tempo fa ai funghi....proverò di sicuro anche questi!!!

Muccasbronza ha detto...

Eh no! no no! non si fa >:-( avevo deciso di mettermi a dietaaaaa!
Oh mamma,lo sai che mi stuzzicano tantissimo? sarà che io adoro le cose dense e saporite e da come li hai descritti mi hai messo una voglia pazzesca,complimenti sai sempre come prenderci per la gola....passando per gli occhi!

buona giornata e bacino

Arietta ha detto...

Pamy, ok, fammi sapere se mai deciderai di farli ;-)

M&s, no, non è affatto male nemmeno in brodo, anzi! Semplicemente per propensione personale li avrei preferiti burro e salvia, ma se li ho mangiati di gusto persino io che odio la "tradizionale" minestrina in brodo...andiamo sul sicuro!

Laura,io purtroppo non ho ricordi come i tuoi, sono stata solo quella volta a Bolzano e basta, ma non vedo l'ora di conoscere meglio questa bellissima zona dalle mille delizie culinarie!

Juls, lo farei volentieri ;-)

Sara, grazie come al solito! :-)

Sara, sono certa che anche ai funghi mi gusterebbero moltissimo. Ho intenzione di provarli in vari modi..e vedo anche tu!

Claudia ha detto...

Li ho sentiti nominare e viste le vostre ricette nei blog.. ma non li ho ancora mai assaggiati.. devono essere buonissimi.. :-)))

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Tutte le volte che li vedo mi chiedo perchè mai non ho mai provato a prepararli ... bravissima!

Francesca ha detto...

Evviva con te ho trovato la ricetta dei canederli..non vedevo l'ora di trovarne una così dove trovare spiegazione passo passo.

Io ho appena aperto un blog..se vuoi passare e lasciare un commentino..

ciao e buona giornata
Francesca

tartina ha detto...

Io, come te, sono rimasta estasiata dai canederli quando li assaggiai a Bolzano. Avevo 11 anni, e quella specie di "gnocconi" in brodo mi mandava fuori di testa!
Poi vengono sempre serviti in quelle scodelline colorate, piccole e delicate che sembrano usciti da una fiaba.
Grazie per la ricetta, li proverò sicuramente!

*

Micaela ha detto...

ciao carissima, ho provato diverse versioni di canederli e ti confermo che sono buonissimissimi! un bacione.

Arietta ha detto...

Muccasbronza, da quando seguo i foodblog stare a dieta è divenuta pura utopia! Buona giornata a te :-)

Claudia, in effetti lo sono! Ciao!!

Twostella, lo stesso pensiero mi attanagliava da tempo...finchè non ho ceduto alla tentazione ;-) Baci!

Francesca, anche io in giro ne ho viste tante ma nessuna che spiegasse per filo e per segno. Ho fatto un collage delle varie informazioni reperite sia per utilità personale, sia poi per aiutare chi si fosse poi trovato nella mia situazione! Spero sia chiaro ed esaustivo! Benvenuta tra i blogger, buona giornata!

Tartina, purtroppo non ho avuto modo di vedere le splendide scodelline che descrivi :( a noi li servirono in una fondina, credo di coccio! Bacioni!

Micaela, ricambio il bacio. Ciao

Fra ha detto...

oh sì sì che buoni i canederli! e anche io opto per la versione insanissima col burro e magari per chiudere il pasto gelato alla crema casalingo con frutti di bosco caldi sopra...slurp :P
Un bacio
fra

Fiordilatte ha detto...

mai mai mai mangiati... quante cose devo ancora avere il piacere di assaggiare! La ricetta sembra davvero invitante :)

Denise ha detto...

Wowwww...ti sono venuti benissimo!!!! Che bello, sento aria di casa mia!! Brava!

Onde99 ha detto...

Inutile commentare, conosci la mia venerazione per le magiche polpettine!

Arietta ha detto...

Fra, condivido su tutta la linea, fino al dolce ;) baci!

Fiordilatte, un mondo infinito di possibilità si apre dinnanzi a ciascuna di noi, c'è da perdersi vero?

Denise, detto da te che sei del luogo è veramente un gran complimento, temevo molto il giudizio di "chi se ne intende" perchè li ha visti e mangiati da sempre!!

Onde, sto facendo una punta vergognosa al tuo libercolo sul tema!

Luciana ha detto...

I canederli sono buonissimi, ti sono venuti benissimo :-)

Lo ha detto...

a parte che la foto è nitidissima e splendente...come non condividere l'insana passione per il canederlo???? ;)

essenza di vaniglia ha detto...

Arietta cara, questo è uno di quei piatti che vorrei tanto provare a fare!
Ho puntato sulla cucina italiana una ricetta dei canerderli in zuppa di farro e broccoletti... dovrò decidermi a prepararla prima che arrivi la bella stagione!
sono contenta che siamo sempre in sintonia di gusti!
buona serata! un bacio :-)

ps: è una lunga storia...cmq il commento di pandettistica eliminato è il mio!
sbadata come sempre e più di sempre! ;-P

Susina strega del tè ha detto...

grazie per la ricetta con le istruzioni, anche io adoro i canederli, li ho mangiati una volta sola, fatti da una mia amica di parma, erano favolosi, ne sono rimasta entusiasta!!!

Snooky doodle ha detto...

questa ricetta mi piace propio la copoi e la faccio :) che belli e buoni questi . Grazzie mille !

Snooky doodle ha detto...

ti ho votato :)

v@le ha detto...

sono una fissa anche per me!!!!
e questi hanno un aspetto divino..
me li segno! bacio

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Ti sono venuti veramente splendidi!!! Anche io faccio spesso riferimento a quel libro :-) Buona serata Laura

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Ne vado matta! In brodo li ho mangiati l'ultima volta tre anni fa in Alto Adige, mentre qui mangio li mangio sempre in occasione di San Martino quando andiamo a mangiare l'oca. Mi hai proprio fatto venir voglia di rifarli in casa.
L'erba cipollina ci sta da dio!
Un bacione
Alex

Dolcienonsolo ha detto...

Ariettaaaaaaaa....voglio provarli anch'io!!!

Camomilla ha detto...

Che voglia di canederli che mi hai fatto venire... è da tantissimo tempo che anch'io vorrei prepararli e bisogna che mi decida! I miei preferiti sono quelli di grano saraceno, da quando li ho scoperti in montagna prendo sempre quelli... :)
Un abbraccio!

Arietta ha detto...

Luciana, grazie!

Lo, potremmo fondare un club!!

Essenza, sembra molto particolare come ricetta, io ho scelto qualcosa di più semplice e tradizionale per cominciare, ma sono aperta a possibili variazioni sul tema ;-) Baci

Susina, figurati, spero ti facciano comodo!

Snooky, spero ti piaceranno e...grazie del voto (emozione!)!!

Arietta ha detto...

V@le, siamo in tante vedo ad apprezzarli! Ciao!!

L'antro dell'alchimista, infatti ti ho linkata,non so se hai visto, ho trovato la ricetta proprio sul tuio blog ;-) Grazie ancora!!

Cuoche dell'altro mondo, trovo anche io che l'erba cipollina sia indispensabile con questo piatto! Ottima!!

Dolci e non solo, non te ne pentirai :)

Camomilla, infatti tra le prossime proposte proverò proprio quelli, li avevo visti da Onde e Micaela se non erro! Hai voglia a provarne!! Un abbraccio a te!

Mirtilla ha detto...

delicatissimi,anche se lo speack li insaporisce parecchio ;)

sweetcook ha detto...

Questo tipo di cucina mi attrae tantissimo, nonostante sia molto improbabile che la assaggi presto, però potrei usufruire delle vostre ricette sperimentate.
Tra te e camo ho l'imbarazzo della scelta:)
baciuzzi*

Elga ha detto...

Che brava che sei stata!! Anche a me piacciono moltissimo ma non mi sono mai azzardata a prepararli in casa!!

Arietta ha detto...

Mirtilla, io poi adoro lo speck, lo metterei ovunque!!

Sweetcook, guarda...anche io non ho avuto grosse possibilità di assaggiare in loco (anzi, una sola, come dicevo nel post), quindi ci arrangiamo tutte a casa ^_^ D'altronde per le ricette regionali è importante fare affidamento sulle sperimentazioni altrui! Baci, buon weekend!!

Elga, proprio tu, che non dovresti aver timore di nulla (tanto ti riesce tutto a meraviglia!)? Su coraggio, prova!!

Claudia ha detto...

ti premetto chemnon ho letto tutti i commenti qua sopra :)
ma il post si! ti dico subito che anch'io ho mangiato i canederli a bolzano e sono fenomeanli, è nato come piatto povero nel Trentino, t'immagini? Adesso mi sembra abbastanza ricco ;) ho avuto per le mani quel libro sulla cucina delle dolominti e devo dire che è molto affascinante. Ho una zia di Bolzano...ah poi quando hai un momento passi da me?
baciiiiiiiiiiii
***

Claudia ha detto...

...nessun premio stai tranquilla ahahahah
*

Tatiana ha detto...

Ti ringrazio di aver partecipato alla nostra raccolta con questa bellissima ricettina che mi rammenta tantissimo il trentino sigh! Devo rifarli mica posso aver nostalgia di queste cosine qui!!! grazie e baci

Mikamarlez ha detto...

buonissimi..me li preparava sempre un'amica altoatesina che ogni tanto portava giù il pane da casa...che voglia che mi hai fatto venire, e ora?? Come farò?? Un bacio affamato.lety

FairySkull ha detto...

Questi gli piacciono da matti a Francy, ti venuti benissimo !! Ciao !

Pupina ha detto...

Io vado matta per i canederli, con lo speck poi sono i miei preferiti in assoluto.
Ahimè all'Avv. invece non dicono molto, così li preparo un po' raramente... I tuoi sono davvero invitanti!

p.s: sai che ho aperto un blogghino ricettaro anch'io? Siccome ho notato che ce ne sono in giro pochi...:)))

Castagna e Albicocca ha detto...

Ciao,
forse non ti ho mai commentata ma ti tengo d'occhio...anch'io qualche mese fa ho fatto i canederli alla tirolese...in brodo..e li ho adorati da subito!!
Purtroppo non a tutti piacciono (qualcuno che avevo a cena...sigh!)
quindi ho imparato che se si hanno ospiti a volte è meglio andare sul classico (certo dipende dal tipo di ospite), io sarei l'ospite perfetta perché mangio tutto!

Castagna

nini ha detto...

Li assaggerei volentieri...mi tentano i tuoi canederli!

sorbyy ha detto...

Sai che non li ho mai mangiati!!!
Devo decidermi a farli.
Ora copio la ricettina e vediamo di assaggiarli al più presto ciao

Silvia ha detto...

Buoniiiiiiii!

iLa ha detto...

Bella questa ricetta dei canederli. Anche io li ho mangiati diverse volte quando sono andata in Alto Adige ma non mi sono mai azzardata a prepararli. Chissá magari sta volta con questa ricetta é la volta buona ;-)
iLa

Fantasilandia ha detto...

Adoro i canederli, mi ricordano tanto le scorpacciate fatte in trentino!!!
Ti sono venuti ad OK!!!
Kisses

Maroso Marco ha detto...

mmmm, li sto mangiando proprio ora ora ! purtroppo quelli che sto mangiando sono acquistati (ma vengono dal tirolo), ma sono buonissimi lo stesso.

Complimenti per il tuo blog, moltooooooo interessante, specialmente quando si tratta di mangiare !! :-)

Maroso Marco
http://www.marosomarco.eu

pusat jual alat bantu ha detto...

thanks for the information given
This information is very useful for me to be a reference
once again thank you for sharing with us all

alat bantu wanita | alat bantu pria | alat bantu sexualitas | obat perontok bulu | obat pembesar penis | vimax | obat kuat | vimax asli | vimax | cara merontokan bulu ketiak
obat pelangsing alami | obat penggemuk badan | obat peninggi badan | cream pembesar payudara | obat pembesar payudara | alat pembesar payudara | obat ejakulasi dini