lunedì 20 settembre 2010

La sofficità fatta panino: pan-nuvolette ai fiocchi di latte

Pan-nuvolette ai fiocchi di latte

Dicevovi che per il momento non avevo ancora avuto modo di sperimentare nulla di nuovo tra i fornelli, e le ragioni sono sostanzialmente due: oltre alle necessarie tempistiche di assestamento organizzativo (lava-stira-fai la spesa-cucina-riordina-pulisci-ogni tanto pulisci anche te stessa cheèmmeglio!) sono stata presa per uno stage di 4 mesi in banca. Inizierò a fine mese/inizi del mese prossimo, ho già seguito un mini-corso intensivo di formazione di un paio di giorni e sono ansiosa di mettermi alla prova, anche se un po' spaventata, non lo nego :) Questo, ovviamente, comporterà un mio ulteriore allontanamento dal blog, visto che non potrò utilizzare Internet al lavoro, ma solo al mio rientro, verso sera. Non temete perchè cercherò comunque, per quanto mi sarà possibile, di non sparire completamente dalla circolazione (è una minaccia?!), ma se mi vedrete poco bazzicare su questo ed altri schermi, preferisco sempre anticiparvene il motivo.

Detto questo, esiste un'eccezione alla regola di quanto detto sopra, ovverosia un ingrediente in via di scadenza riesumato dal fondo del frigorifero, mai così fiorente da quando mi sono trasferita qui (prima era un eccellente spaccato della vita da uomo single: coca cola, birra, latte, vaschette di salumi, sottilette, pane da toast ed altre delicatessen :D). Quei fiocchi di latte me li ero portati dietro da casa dei miei e stavano ormai facendo la fine della particella di sodio della nota pubblicità, destinati alla solitudine e alla più totale incomprensione da parte della sottoscritta. Ed è così che ho deciso di rendergli nuova dignità, provando quei paninetti ai fiocchi di latte che avevo scoperto anni fa su Cookaround, ennesima interessante ricetta che ha illuminato la rete proposta dalla sempre sorprendente Araba felice.

Così ho fatto felice anche il mio Kitchen Aid, abbiamo impastato insieme allegramente di prima mattina, ho riposto l'impasto in frigo e al mio rientro a casa l'ho prelevato, fatto lievitare ancora un po' a temperatura ambiente e formato questi paninetti semidolci che ho trovato davvero eccezionali, tanto da volerli ribattezzarli pan-nuvolette. Mi crederete se vi dico che non ho mai visto nulla di così soffice uscire dalle mie mani (o dal gancio del KA, evabbè, quanto siete fiscali...)! La cosa sorprendente, oltre alla loro sofficità all'uscita dal forno, è che si mantengono così morbidi per giorni (almeno 3, secondo la mia esperienza), adeguatamente sigillati in un sacchettino di plastica. Ma volendo, potete anche congelarli e deliziarvi per una prima colazione (ma anche due, tre, quattro), è il caso di dirlo, davvero soft ;)

Pan-nuvolette ai fiocchi di latte

Ingredienti x 12-15 paninetti:

200 gr di fiocchi di latte
100 gr di acqua tepida
mezzo cubetto di lievito di birra
1 uovo intero
la punta di un cucchiaino di bicarbonato
3 cucchiai rasi di zucchero semolato
2 cucchiaini di sale
250-300 gr di farina (io credo di averne usato quasi 400 gr)

Inoltre: un uovo sbattuto, per spennellare

Mettete nell'impastatrice o in una ciotola, se impastate a mano, i fiocchi di latte, l'uovo intero, il lievito sciolto nell'acqua tiepida, lo zucchero ed il bicarbonato. Amalgamate un poco, quindi unite i primi 100 gr di farina. Continuate ad impastare aggiungendo un cucchiaio di farina alla volta, regolandovi sulla consistenza che deve essere morbida ma lavorabile. A meta' lavorazione aggiungete il sale. Sia che lavoriate a mano che con l'impastatrice dovete impastare abbastanza a lungo perche' l'impasto si presenti perfettamente liscio e assolutamente non grumoso: il formaggio insomma deve integrarsi perfettamente e l'impasto deve staccarsi dalla ciotola. Riponete l'impasto in una ciotola coperta con pellicola alimentare e fatelo lievitare un paio d'ore.

A fine lievitazione, dividete l'impasto in 12-15 pezzi, rotolateli tra i palmi delle mani fino ad ottenere delle pallotte lisce e disponeteli, ben distanziati perchè crescono molto, su una teglia rivestita di carta da forno: copriteli con un canovaccio pulito e fateli lievitare ancora per circa un'ora.

Spennellate i panini con l'uovo sbattuto e cuoceteli in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 15 minuti o fino a doratura, regolandovi con il vostro forno.

Note:
- si possono preparare un giorno prima e conservarli in un sacchetto di plastica chiuso ermeticamente. Dopo 3 giorni erano ancora morbidissimi!
- si possono congelare una volta cotti, per poi scongelarli a temperatura ambiente o nel micro all'occorrenza.
- si potrebbero arricchire con uvetta sultanina o gocce di cioccolata, aumentando, a piacere, lo zucchero.

Pan-nuvolette ai fiocchi di latte

37 commenti:

arabafelice ha detto...

Alessia, che piacere quando qualcuno prova con successo una mia ricetta. Sono felicissima che ti piacciano, sono tra i miei panini preferiti, una delle prime ricette che ho inserito anche nel blog.
Bravissima! :-)

Chiaretta ha detto...

Ciao!! Ecco i famosi panini di cui avevo letto su Fb, aspettavo che pubblicassi la ricetta!!! ^.^
I fiocchi di latte vanno proprio a periodi, ci sono giorni in cui li compro e li mangio praticamente sempre... ed altri in cui aspettano solitari nel frigorifero che qualcuno si accorga della loro presenza!
Questi paninetti potrebbero essere simili ai panini per gli Hamburger? Appena ne avrò occasione li preparerò con la Pasta Madre.
Temo di essermi persa qualche passaggio della tua vita, ora vivi sola? In bocca al lupo per il lavoro!!!

Chiara

Alessia ha detto...

Arabafelice, ma che piacere che il primo commento sia proprio il tuo! Ancora grazie mille per questa ricetta che ho tanto apprezzato e che scala a pieno titolo la top list dei panini migliori che abbia mai fatto! :)

Chiaretta, faccio proprio come te, passo dall'esserne grande consumatrice a snobbarli completamente! In effetti ho trovato una leggera somiglianza al sapore dei panini da hamburger (ma ti parlo di quelli comprati, perchè ancora non li ho mai provati in prima persona...), sono semidolci e molto morbidi, sia nell'interno che nella crosticina, che è assolutamente morbida e elastica! Credo si prestino benissimo sia con il dolce che con il salato, infatti.
Quanto alla mia vita, non vivo sola, sono andata da poco più di due settimane a convivere a casa con il mio ragazzo, che già viveva solo da prima che ci conoscessimo! Un abbraccio

cuoca gaia ha detto...

Ma che bei panini :) Sento il profumino fin qua!

Simo ha detto...

le ricette di Araba sono sempre un successone...mi sembra che ti siano venuti una favola!
Li devo tenere anche io in considerazione per le merende scolastiche di mia figlia...con un velo di marmellata o(perchè no!) nutella...direi che sono perfetti!
Che ne dici?
In bocca al lupo per l'esperienza lavorativa, e buon lunedì

Fuat Gencal ha detto...

Hayırlı Haftalar, Ellerinize sağlık. Çok leziz ve iştah açıcı görünüyor. (Bugün bloglardan seçmelerde lezzet adasının saç kavurması tarifi yayınlandı.(http://gencalsabahattin.blogspot.com/)

Saygılarımla.

Zucchero e Farina ha detto...

Ma che buoni questi panini! Bravissima

Cindry ha detto...

Ogni tanto vengo presa dalla voglia di provare a fare dei panini e tutte le volte mi vengono dei mattoncini. Sarà nella mia incapacità di impastare a mano? Questi mi attirano molto, dalla foto sembrano così soffici e leggeri. Per fiocchi di latte intendi il formaggio fresco tipo jocca?
Credo che nel pomeriggio potrei provare a farli!

Carolina ha detto...

Allora ti faccio un grande in bocca al lupo per il tuo stage e per questa nuova esperienza!
Buona giornata cara!

( parentesiculinaria ) ha detto...

ohhh! Che bellini. Mi sembra davvero di intuirne profumo e morbidezza. Ricettina perfetta per chi come me ha da poco fatto pace col lievito di birra.
Grazie! :)
E congratulazione per l'impego! Mi sembra un'ottima cosa. Vedrai che la fifa passerà in un attimo!

sabri ha detto...

Alessia ciao! Sono contenta tu abbia la tua connessione stabile, ma soprattutto l'opportunità di questo stage.
Per quanto riguarda i paninetti, sono proprio bellissimi, si vede che sono molto morbidi. Mi hai dato un'idea: ho adottato un funghetto di kefir e dopo pochi giorni ne sono già sommersa. Chissà se ne riesco a tirar fuori qualcosa di degno.

Onde99 ha detto...

Innanzitutto complimenti per lo stage! Insomma, periodo di grandi cambiamenti!!! Meno male che riesci a trovare un po' di tempo per coccolarti con delle colazioni così goduriose!

Alessia ha detto...

cuoca gaia, grazie!

Simo, sì, ne ho provate varie con successo anche negli anni pre-blog e sono sempre rimasta molto soddisfatta, ma questi sono davvero eccezionali! Non li scorderò più! Per i bambini sono davvero perfetti, poi. Un abbraccio!

Fuat gencal, mi cerco la traduzione da qualche parte con più calma e ti rispondo... (ma è turco?!)

Zucchero e farina, grazie!

Cindry, io prima di avere il KA ho sempre impastato a mano, ma devo dire che questo gioiellino aiuta molto (anche se io un ultimo colpetto a mano lo do sempre, preferisco!). Sì i fiocchi di latte sono quelli, ce ne sono varie marche, io ho usato gli Exquisa allo yogurt :) Fammi sapere se li provi eh!

Alessia ha detto...

Carolina, grazie tesoro, e a te come procede? Appena ho un attimo corro ad aggiornarmi!

(parentesi culinaria), vero?! Te li consiglio assolutissimamente, non puoi perderteli, ti conquisteranno e non ti abbandoneranno più! Per quanto riguarda l'impiego, purtroppo, visto il momento questo è il meglio che sono riuscita a trovare, ma si tratta comunque di una banca molto prestigiosa nella mia realtà e spero in futuro di poter avere qualche altra occasione più duratura diciamo :)

Sabri, grazie per la tua gentilezza :) Credo che anche il kefir funga a dovere, io lo avevo utilizzato con successo per l'Irish soda bread, anche se il mio era acquistato! Rimango in attesa di tuoi aggiornamenti!

Onde99, periodo molto intenso, sì. Sarà dura, ma spero di fare bene! E spero anche di riuscire ancora a coccolarmi tra due settimane...ne riparliamo, insomma ;)

Virò ha detto...

Sono davvero contenta per te! Dopo tanti dubbi ed incertezze nel giro di poco tempo abbiamo casa nuova, stage bancario, forno acceso: insieme a questi panini deliziosi stapperei una bottiglia preziosa!

Un abbraccio...

lise.charmel ha detto...

in bocca al lupo per lo stage!
vedrai che tempo per cucinare ne troverai, magari il problema sarà per le foto, perché non riuscirai a farle con la luce naturale se torni tardi
pan-nuvolette è un nome bellissimo, se passa di qui uno del marketing del mulino bianco te lo ruba di sicuro!

Lady Cocca ha detto...

Meravigliosi....sembrano davvero una nuvola!!
Da provare...finalmente avrò una colazione super soffice!!
un baciooooo

Kitty's Kitchen ha detto...

Non avrei mai pensato ai fiocchi di latte. Mi sembra una bella idea, bravissima tu e l'araba!

manuela e silvia ha detto...

Belli con i fiocchi di latte, se poi son davvero soffici come dici...bè...bisogna provarci allora!
baci baci

Nepitella ha detto...

quello che manca è sempre il mio vero??? :-)
In bocca al lupo per lo stage

Mirtilla ha detto...

La sofficità di questi panini la si vede anche dalle foto! Sono bellissimi! Chissà che buon saporino hanno!!! Beh, complimenti per lo stage e in bocca al lupo! A presto!!!! Baci

elisa69 ha detto...

Deliziosi questi panini!Complimenti!

stefania ha detto...

Che meraviglia questi panini..e "tante cose belle" per il tuo nuovo impegno

Monty ha detto...

For breackfast, for tea-time in spain will be delicious. Thanks for sharing.

Dodò ha detto...

Dalla necessità a volte nascono delle cose buonissime!
In bocca al lupo per lo stage!! Noi qui ti si aspetta quando puoi!

Ambra ha detto...

Sono assolutamente da provare!!!!Bacio

Francesca ha detto...

Ficata!!!!!!!!!!!! ma posso farli anche senza l'ovetto???

Alessia ha detto...

Virò, le incertezze permangono, credimi, ma il fatto di avere trovato qualcosa già mi farà incanalare le energie e i pensieri per i prossimi 4 mesi ;) Era parecchio che non ti sentivo, sei stata in vacanza? E' sempre un piacere rileggerti!

lise.charmel, crepi! Per le foto non le farò mai più senza luce naturale, quindi al limite cucinerò qualcosa di nuovo e fotograferò, potendo, nel weekend, è l'unica :) Non voglio comunque impazzirci!

Lady Cocca, falli, falli, sono davvero deliziosi!

Kitty's Kitchen, anche perchè i fiocchi di latte, almeno qui, sono uno degli ingredienti che compro spesso e poi mi scordo di consumare, un po' come la ricotta ;) Così facciamo bingo!

Manuela e Silvia, non sono soffici, di più! Mai visto una roba simile! Provate!

Alessia ha detto...

Nepitella, sìsì, è sempre lui, in viaggio verso di te :D Crepi!!

Mirtilla, sono contenta che si noti quanto sono soffici, hanno una crosticina sottile elasticissima! Grazie!

Elisa69 e Stefania, grazie!

Monty, thank you for appreciation :)

Dodò, li rifarò senz'altro, ora ho un ottimo motivo per ricomprare i fiocchi di latte ;) Crepi e bacioni!

Ambra, fammi sapere!

Francesca, credo che l'uovo serva per dargli la consistenza briochata, magari senza ti vengono un filo diversi, comunque l'unica è provare. Ovviamente devi regolarti o aggiungendo dei liquidi (latte?) o diminuendo la farina a occhio!

sabrine d'aubergine ha detto...

Cara Alessia, ancora a forno spento causa trasloco mi concedo un attimo di tempo per sbirciare i blog amici: e non trovo altro che panini di quelli che piacciono a me! Che invidia... Un mare di auguri per il tuo stage:
A presto,

Sabrine

Acquolina ha detto...

in bocca al lupo per lo stage e complimenti per i panini, ne ruberei uno volentieri ;-P

Virò ha detto...

Sì, sono stata in Sardegna e Liguria e, appena rientrata, ho ricominciato subito la scuola...

Ora però mi rileggo i post che ho perso e mi rimetto in pari!

Cindry ha detto...

Ciao, ieri ho provato a fare questi meravigliosi panini.
Anche se non sono molto brava con gli impasti a mano, come ho già detto, ci ho provato.
Sono venuti buonissimi, anche se credo che potessero essere molto più soffici... ma come prima volta mi ritengo molto soddisfatta.
Diciamo che la prima lievitazione mi è venuta bene, poi ho formato le palline, ma nella seconda lievitazione non sono aumentati molto.
Vorrei riprovarci, ma sta volta con l'aggiunta di uvette o cioccolato.
Secondo te rischio di rallentare ancora di più la lievitazione? Quando è meglio che aggiunga l'uovetta? Subito all'inizio?
Grazie mille.

fiOrdivanilla ha detto...

uff leggo solo ora questo post.. a parte gli splendidi panini, a questo punto, visto il tempo ormai passato, mi chiedo.. come procede il lavoro??

giulia ha detto...

Ciao! sono finita sul tuo blog per un caso strano (studio traduzione, e cercavo occorrenze della parola 'sofficità').. e mi sono imbattuta in questa deliziosa ricetta! La proverò appena possibile! Complimenti per il blog e per le idee!

giulia ha detto...

Ciao! Come dicevo, ho provato a fare questi deliziosi panini: davvero soffici!! Come mia personale rielaborazione, ho scelto di aggiungere un po' di farina ai 7 cereali del Mulino Spadoni... ottimo risultato!!!

Alessia ha detto...

Cindry, scusa il ritardo imperdonabile! Guarda, credo che per la lievitazione molto dipenda da una serie di fattori...in genere la seconda lievitazione non riesce nemmeno a me stratosferica come la prima. I miei, tuttavia, erano davvero sofficissimi...Direi che l'aggiunta che proponi in versione dolce (magari con un po' di zucchero, anche) non sia nient'affatto male, al limite puoi provare a prolungare la lievitazione. Io aggiungerei gli ingredienti da subito, in modo da non rilavorare troppo l'impasto, che altrimenti richiederebbe una maggiore lievitazione essendosi sgonfiato. Ciao!

Fiordivanilla, è passato parecchio tempo e la risposta è un po' complessa. Diciamo che tiro avanti :) Grazie dell'interessamento!

giulia, grazie di averli provati, sono felice ti siano piaciuti! A presto!